7 Giorni per Lasciare Le Tue Preoccupazioni

Devozionale





Fai attenzione al tuo monologo interiore





Oggi iniziamo una serie incentrata sul Salmo 94 versetti 18-19 per imparare meglio a lasciare le nostre preoccupazioni ai piedi di Gesù e (finalmente!) trovare la gioia. 





"Quand'ho detto: «Il mio piede vacilla», la tua bontà, o SIGNORE, m'ha sostenuto. Quand'ero turbato da grandi preoccupazioni, il tuo conforto ha alleviato l'anima mia". (Salmi 94:18-19).  





"Quando ho detto"... Tutti noi parliamo in continuazione a noi stessi.  





Che mi dici di te? Cosa ripeti di solito a te stesso, nel luogo segreto del tuo monologo interiore? Con quali parole nutri te stesso? 





Alcuni di noi pensano...           



  • Non ho abbastanza talento,          

  • Non sono abbastanza estroverso,           

  • Non ho abbastanza pazienza,           

  • Non sono abbastanza intelligente,           

  • Non sono abbastanza bello,      

  • Non sono abbastanza per essere amato, ecc. 





Forse hai ripetuto questo genere di cose a te stesso per anni, ma anche Dio ti parla, e oggi la Sua voce vuole risuonare più forte dentro di te: "Vali abbastanza perché il mio unico Figlio morisse per te".  


"Vali abbastanza perché il mio amore per te ti insegua instancabilmente". 





La connessione tra il nostro parlare interiore e la nostra fede è molto chiara. Osserviamo Geremia, che pregava con questa onesta e sentita preghiera quando perdeva la speranza: "Io ho detto: «È sparita la mia fiducia, non ho più speranza nel SIGNORE!» Ricordati della mia afflizione, della mia vita raminga, dell'assenzio e del veleno! Io me ne ricordo sempre, e ne sono intimamente prostrato." (Lamentazioni 3:18-20).





Ma Dio sa che cambiare le parole che diciamo a noi stessi richiede tempo. Geremia, nella stessa preghiera, dice: "Ecco ciò che voglio richiamare alla mente, ciò che mi fa sperare: è una grazia del SIGNORE che non siamo stati completamente distrutti; le sue compassioni infatti non sono esaurite; si rinnovano ogni mattina. Grande è la tua fedeltà!  «Il SIGNORE è dalla mia parte», io dico, «perciò spererò in lui»." (Lamentazioni 3:21-24).





Per lasciare le tue preoccupazioni a Gesù e ritrovare la gioia, inizia ad ascoltare quello che dici a te stesso... e a cercare di cambiare il tuo modo di pensare! 


Dio è paziente, e se glielo permetti, ti aiuterà.  


Con Lui scoprirai che ciò che Dio dice di te è la verità! 





Grazie di esistere! 


Eric Célérier