Cantico dei Cantici 2
NR06

Cantico dei Cantici 2

2
1Io sono la rosa di Saron, il giglio delle valli.
2Quale un giglio tra le spine, tale è l’amica mia tra le fanciulle.
3Quale è un melo tra gli alberi del bosco, tale è l’amico mio fra i giovani. Io desidero sedermi alla sua ombra, il suo frutto è dolce al mio palato.
4Egli mi ha condotta nella casa del convito, l’insegna che stende su di me è amore.
5Fortificatemi con schiacciate d’uva passa, sostentatemi con mele, perché sono malata d’amore.
6La sua sinistra sia sotto il mio capo, la sua destra mi abbracci!
7Figlie di Gerusalemme, io vi scongiuro per le gazzelle, per le cerve dei campi: non svegliate, non svegliate l’amore mio, finché lei non lo desideri!
8Ecco la voce del mio amico! Eccolo che viene, saltando per i monti, balzando per i colli.
9L’amico mio è simile a una gazzella, o a un cerbiatto. Eccolo, egli sta dietro il nostro muro e guarda per la finestra, lancia occhiate attraverso le persiane.
10Il mio amico parla e mi dice: «Àlzati, amica mia, mia bella, e vieni,
11poiché ecco, l’inverno è passato, il tempo delle piogge è finito, se n’è andato;
12i fiori spuntano sulla terra, il tempo del canto è giunto e la voce della tortora si fa udire nella nostra campagna.
13Il fico ha messo i suoi frutti, le viti fiorite esalano il loro profumo. Àlzati, amica mia, mia bella, e vieni».
14Mia colomba, che stai nelle fessure delle rocce, nel nascondiglio delle balze, mostrami il tuo viso, fammi udire la tua voce; poiché la tua voce è soave e il tuo viso è bello.
15Prendeteci le volpi, le volpicine che guastano le vigne, poiché le nostre vigne sono in fiore!
16Il mio amico è mio e io sono sua: di lui, che pastura il gregge fra i gigli.
17Prima che spiri la brezza del giorno e che le ombre fuggano, torna, amico mio, come la gazzella o il cerbiatto sui monti che ci separano!

2008 Società Biblica di Ginevra

Ulteriori Informazioni Su Nuova Riveduta 2006