Lettera ai Romani 3
NR94
3
Privilegi dei Giudei
Ro 9:4-21; Mt 3:8-10
1Qual è dunque il vantaggio del Giudeo? Qual è l’utilità della circoncisione? 2Grande in ogni senso. Prima di tutto, perché a loro furono affidate le rivelazioni di Dio. 3Che vuol dire infatti se alcuni sono stati increduli? La loro incredulità annullerà la fedeltà di Dio? 4No di certo! Anzi, sia Dio riconosciuto veritiero e ogni uomo bugiardo, com’è scritto: «Affinché tu sia riconosciuto giusto nelle tue parole e trionfi quando sei giudicato»#Cfr. Ga 6:15..
5Ma se la nostra ingiustizia fa risaltare la giustizia di Dio, che diremo? Che Dio è ingiusto quando dà corso alla sua ira? (Parlo alla maniera degli uomini.) 6No di certo#+ Sl 51:4! Perché, altrimenti, come potrà Dio giudicare il mondo?
7Ma se per la mia menzogna la verità di Dio sovrabbonda a sua gloria, perché sono ancora giudicato come peccatore? 8Perché non «facciamo il male affinché ne venga il bene», come da taluni siamo calunniosamente accusati di dire? La condanna di costoro è giusta.
Universalità del peccato
(Ec 7:20; Gb 15:14-16; Ge 6:5, 11, 12; Sl 14:1-3) Ga 3:22
9Che dire dunque? Noi siamo forse superiorie#No di certo, lett. non avvenga.? No affato! Perché abbiamo già dimostrato che tutti, Giudei e Greci, sono sottoposti al peccato, 10com’è scritto: «Non c’è nessun giusto, neppure uno.
11Non c’è nessuno che capisca, non c’è nessuno che cerchi Dio.
12Tutti si sono sviati, tutti quanti si sono corotti. Non c’è nessuno che pratici la bontà, no, neppure uno»#Noi siamo forse superiori? Altri traducono: simao in condizione inferiore a loro?.
13«La loro gola è un sepolcro aperto; con le loro lingue hanno tramato frode»#+Sl 14:1-3; 53:1-3.. «Sotto le loro labbra c’è un veleno di serpenti»#+Sl 5:9..
14«La loro bocca è piena di maledizione e di amarezza»#+Sl 140:3..
15«I loro piedi sono veloci a spargere il sangue.
16Rovina e calamità sono sul loro cammmino
17e non conoscono la via della pace»#+Sl 10:7..
18«Non c’è timor di Dio davanti ai loro occhi»#+Is 59:7, 8.
19Or noi sappiamo che tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che sono sotto la legge, affinché sia chiusa ogni bocca e tutto il mondo sia riconosciuto colpevole di fronte a Dio; 20perché mediante le opere della legge nessuno#+Sl 36:1. sarà giustificato davanti a lui; infatti la legge dà la conoscenza del peccato.
La giustificazione attraverso la fede in Cristo
Is 53:11; At 10:43; 2 Co 5:21; Ga 2:15, 16; 3:8-14, 22-29; Ef 2:7-9
21 Ora però, indipendentemente dalla legge, è stata manifestata la giustizia di Dio, della quale danno testimonianza la legge e i *profeti: 22vale a dire la giustizia di Dio mediante la fede in Gesú Cristo, per tutti coloro che credono – infatti non c'è distinzione: 23tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio – 24ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesú. 25Dio lo ha prestabilito come sacrificio propiziatorio mediante la fede nel suo sangue#Nessuno, lett. nessuna carne., per dimostrare la sua giustizia, avendo usato tolleranza verso i peccati commessi in passato, 26al tempo della sua divina pazienza; e per dimostrare la sua giustizia nel tempo presente affinché egli sia giusto e giustifichi colui che ha fede in Gesú.
27 Dov'è dunque il vanto? Esso è escluso. Per quale legge? Delle opere? No, ma per la legge della fede; 28poiché riteniamo che l'uomo è giustificato mediante la fede senza le opere della legge. 29Dio è forse soltanto il Dio dei Giudei? Non è egli anche il Dio degli altri popoli? Certo, è anche il Dio degli altri popoli, 30poiché c'è un solo Dio, il quale giustificherà il circonciso per fede, e l'*incirconciso ugualmente per mezzo della fede.
31 Annulliamo dunque la legge mediante la fede? No di certo! Anzi, confermiamo la legge.
1994 Società Biblica di GinevraUlteriori Informazioni Su Nuova Riveduta 1994