Lettera ai Filippesi 1
NR06
1
Indirizzo e saluti
1Paolo e Timoteo, servi di Cristo Gesù, a tutti i santi#Santi, espressione che designa i credenti in quanto persone consacrate a Dio e chiamate ad avere un comportamento conforme alla loro appartenenza a Dio; il termine “santo” (gr. haghios) significa lett. separato, messo a parte. in Cristo Gesù che sono in Filippi, con i vescovi e con i diaconi: 2grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo.
Affetto di Paolo per i Filippesi
3Io ringrazio il mio Dio di tutto il ricordo che ho di voi; 4e sempre, in ogni mia preghiera per tutti voi, prego con gioia 5a motivo della vostra partecipazione al vangelo, dal primo giorno fino ad ora. 6E ho questa fiducia: che colui che ha cominciato in voi un’opera buona la condurrà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù. 7Ed è giusto che io senta così di tutti voi, perché io vi ho nel cuore, voi tutti che, tanto nelle mie catene#Nelle mie catene, in questa circostanza Paolo è prigioniero a Roma. quanto nella difesa e nella conferma del vangelo, siete partecipi con me della grazia. 8Infatti Dio mi è testimone come io vi ami tutti con affetto profondo in Cristo Gesù. 9E prego che il vostro amore abbondi sempre più in conoscenza e in ogni discernimento, 10perché possiate apprezzare le cose migliori, affinché siate limpidi e irreprensibili per il giorno di Cristo, 11ricolmi di frutti di giustizia che si hanno per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio.
La prigionia di Paolo contribuisce alla causa del vangelo
12Desidero che voi sappiate, fratelli, che quanto mi è accaduto ha piuttosto contribuito al progresso del vangelo; 13al punto che a tutti quelli del pretorio#Pretorio, se Paolo si trovava a Roma in quel momento, il riferimento è alla guardia pretoriana, legata alla persona dell’imperatore; altrimenti questo termine indica la residenza ufficiale del governatore di una provincia. e a tutti gli altri è divenuto noto che sono in catene per Cristo; 14e la maggioranza dei fratelli nel Signore, incoraggiati dalle mie catene, hanno avuto più ardire nell’annunciare senza paura la parola di Dio.
15Vero è che alcuni predicano Cristo anche per invidia e per rivalità; ma ce ne sono anche altri che lo predicano di buon animo. 16Questi lo fanno per amore, sapendo che sono incaricato della difesa del vangelo; 17ma quelli annunciano Cristo con spirito di rivalità, non sinceramente, pensando di provocarmi qualche afflizione nelle mie catene. 18Che importa? Comunque sia, con ipocrisia o con sincerità, Cristo è annunciato; di questo mi rallegro, e mi rallegrerò ancora; 19so infatti che ciò tornerà a mia salvezza, mediante le vostre suppliche e l’assistenza dello Spirito di Gesù Cristo, 20secondo la mia viva attesa e la mia speranza di non aver da vergognarmi di nulla; ma che con ogni franchezza, ora come sempre, Cristo sarà glorificato nel mio corpo, sia con la vita, sia con la morte. 21Infatti per me il vivere è Cristo e il morire guadagno.
22Ma se il vivere nella carne porta frutto all’opera mia, non saprei che cosa preferire. 23Sono stretto da due lati: da una parte ho il desiderio di partire e di essere con Cristo, perché è molto meglio; 24ma, dall’altra, il mio rimanere nel corpo è più necessario per voi. 25Ho questa ferma fiducia: che rimarrò e starò con tutti voi per il vostro progresso e per la vostra gioia nella fede, 26affinché, a motivo del mio ritorno in mezzo a voi, abbondi il vostro vanto in Cristo Gesù.
Esortazione alla perseveranza
27Soltanto, comportatevi in modo degno del vangelo di Cristo, affinché, sia che io venga a vedervi sia che io resti lontano, senta dire di voi che state fermi in uno stesso spirito, combattendo insieme con un medesimo animo per la fede del vangelo, 28per nulla spaventati dagli avversari. Questo per loro è una prova evidente di perdizione, ma per voi di salvezza; e ciò da parte di Dio. 29Perché vi è stata concessa la grazia, rispetto a Cristo, non soltanto di credere in lui, ma anche di soffrire per lui, 30sostenendo voi pure la stessa lotta che mi avete veduto sostenere e nella quale ora sentite dire che io mi trovo.
2008 Società Biblica di GinevraUlteriori Informazioni Su Nuova Riveduta 2006