Prima lettera a Timoteo 2
NR06

Prima lettera a Timoteo 2

2
La preghiera per tutti gli uomini; la donna cristiana
1Esorto dunque, prima di ogni altra cosa, che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni, ringraziamenti per tutti gli uomini, 2per i re e per tutti quelli che sono costituiti in autorità, affinché possiamo condurre una vita tranquilla e quieta in tutta pietà#Pietà, la parola gr. indica un’attitudine di profondo rispetto e devozione nei confronti di Dio. e dignità. 3Questo è buono e gradito davanti a Dio, nostro Salvatore, 4il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. 5Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, 6che ha dato se stesso come prezzo di riscatto per tutti; questa è la testimonianza resa a suo tempo 7e della quale io fui costituito predicatore e apostolo (io dico il vero, non mento), per istruire gli stranieri nella fede e nella verità.
8Io voglio dunque che gli uomini preghino in ogni luogo, alzando mani pure#Alzando mani pure, cioè con intenzioni oneste; i Giudei alzavano le mani per pregare., senza ira e senza dispute.
9Allo stesso modo, le donne si vestano in modo decoroso, con pudore e modestia: non di trecce e d’oro o di perle o di vesti lussuose, 10ma di opere buone, come si addice a donne che fanno professione di pietà. 11La donna impari in silenzio con ogni sottomissione. 12Poiché non permetto alla donna di insegnare, né di usare autorità sull’uomo, ma stia in silenzio. 13Infatti Adamo fu formato per primo, e poi Eva; 14e Adamo non fu sedotto; ma la donna, essendo stata sedotta, cadde in trasgressione. 15Tuttavia sarà salvata partorendo figli, se persevererà nella fede, nell’amore e nella santificazione con modestia.
2008 Società Biblica di GinevraUlteriori Informazioni Su Nuova Riveduta 2006